lavaggio tappeti persiani
Ecco come trattiamo il tuo tappeto

Come lavare perfettamente un tappeto persiano o un tappeto moderno in 8 fasi

[1] Il tappeto viene minuziosamente controllato, si analizza lo stato del manufatto, annotando eventuali interventi da eseguire. Viene portato all'interno del sistema di lavaggio per essere battuto e depolverato, per smuovere ed eliminare le impurità annidate tra la trama. Un cilindro, battendo sul tappeto, crea delle vibrazioni che staccano lo sporco e la polvere.

[2] La seconda fase è fondamentale avendo una triplice finalità: fissaggio del colore, prelavaggio e trattamento igienizzante. Un sistema di ugelli umidifica la superficie del tappeto. Una volta conclusa la fase di prelavaggio il tappeto è pronto per il primo trattamento DSP.

[3] Il sistema DSP è la tecnologia di lavaggio realizzata e brevettata da PULIVAN, grazie alla quale si può eliminare dal tappeto ogni impurità e garantire il massimo grado di pulizia. Sfruttando l'azione combinata di aria e acqua che entrano in contatto con la superficie del tappeto, secondo specifici parametri di pressione e velocità, il sistema DSP elimina lo sporco annidato nella trama.

[4] La fase successiva è il lavaggio a immersione in vasca con tappeto rovesciato. Il tappeto è completamente immerso all’interno della vasca dove scorre lentamente sui rulli rotanti che aprono delicatamente il vello ed eliminano le impurità ed eventuale sporco residuo.

[5] Si procede infine alla strizzatura con rullo pressatore per eliminare l'acqua che impregna il tappeto, si arrotola e si prepara per la fase successiva.

[6] Nella seconda linea si lavora sulla rifinitura del tappeto. Con il sistema DSP2 si prepara il tappeto alle successive tre fasi di neutralizzazione, igienizzazione e profumazione, ovvero:

  • neutralizzazione dei detergenti applicati nelle fasi precedenti; tale fase è importante per riportare la fibra al suo Ph naturale ed eliminare eventuali residui che la possono stressare.
  • igienizzazione: epurazione da ogni residuo chimico-batterico-organico;
  • profumazione: l'ultima fase conferisce al tappeto una gradevole fragranza.

[7] La fase successiva d'idroestrazione avviene con centrifuga, in modo che il tappeto rilasci circa l'80 % dell'acqua assorbita. Effettuata l'idroestrazione si spazzola il vello del tappeto affinché si asciughi uniformemente.

[8] L'asciugatura avviene in essiccatrici dotate di quadro di controllo per la temperatura e per la percentuale d'umidità. Poiché un’asciugatura troppo secca rischia di stressare eccessivamente le fibre e causarne quindi indebolimento e rotture.
Come fase conclusiva viene effettuato un controllo del manufatto e qualora siano necessarie piccole riparazioni o rifiniture, queste vengono eseguite da personale qualificato.
Nel caso, a seguito di controllo, il tappeto avesse invece bisogno di un vero e proprio restauro, verrà sviluppato un apposito preventivo.

CONTATTACI PER ULTERIORI INFORMAZIONI O PER RICHIEDERE UN PREVENTIVO

Torna alla pagina precedente

 

-